16th ott2015

Toc..Toc..

Pensare di chiedere aiuto in un momento di difficoltà non è immediato, ci si opera con tutti i propri mezzi per far fronte a quel disagio che ci perturba e a cui spesso non sappiamo o non osiamo dare voce. Anche quando il pensiero ci sorvola ci diciamo “ma no, posso attendere e vedere quel che succede, il tempo spesso aiuta ad arrangiare le cose” “non me lo posso permettere, sarà una spesa troppo elevata, non è prioritario, magari un salto in palestra, una chiacchierata tra amici, una weekend fuoriporta, mi possono essere di altrettanto aiuto…” “ e chi me lo fa fare di spendere altro tempo a pensare a ciò che mi disturba, forse è semplicemente meglio evitare di pensarci e tutto si sistemerà” “ devo trovare tempo, soldi ed energie… no!”
Sono, indubbiamente, affermazioni legittime e pure con gradi di verità. Esistono innumerevoli modalità e risorse che ognuno di noi ha a disposizione e utilizza per sopravvivere ad un’esistenza, spesso contrassegnata da fatiche e turbamenti ed è un bene che ognuno di noi se ne avvalga, soprattutto in situazioni d’emergenza.
Chiamare uno psicologo psicoterapeuta rappresenta una possibilità tra le altre, non con queste, per forza, in competizione, ma certamente una scelta diversa, impegnativa, e permetteteci per alcuni versi “coraggiosa”.
In primo luogo si tratta di regalarsi uno spazio per sé, dove arrestarsi e prestarsi ascolto: una pausa dai rumori della frenetica quotidianità per riprendere contatto con quel sé, sempre di fretta, affogato da pensieri, ingarbugliato in azioni, che fatica a comprendere come si sente e come ciò che sente lo può guidare verso un ben-essere, tanto desiderato.
In secondo luogo l’ascolto attento e partecipato dell’altro, in questo caso lo psicologo psicoterapeuta, che ha una formazione professionale specifica a tal riguardo, accompagna e sostiene il percorso di ciascuno, accogliendo la domanda iniziale, curandone, promuovendone, gli sviluppi e il racconto che ne deriva.
Nella relazione di fiducia, che, via via, si crea, s’intravedono e si costruiscono risposte, direzione, sensi, che aiutano non solo ad attraversare le proprie sofferenze, i propri vissuti emotivi, ma pure a vivere in maniera efficace e attiva la propria realtà.
Sono previste tariffe calmierate, per consentire anche a chi avesse difficoltà economiche di intraprendere un percorso psicoterapeutico e/o di favorire di consulenze psicologiche.
Di fatto consideriamo ingiusto che i bisogni emotivi, psicologici, che per la loro natura, meno concreta di altri, sono spesso trascurati, non possano trovare spazio e ascolto a causa di questioni prettamente economiche.

by zetema

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>